Archivio:Febbraio 2016

Quando si capirà che il mental coach è una risorsa e non una medicina, finalmente faremo un passo avanti. Questa figura ancora, in Italia particolarmente, viene vista come risoluzione di problemi e non come quello che veramente è, vale a dire una risorsa per l’atleta e per le persone in generale. Nessun espediente, nessun magheggio, solamente delle tecniche per far emergere il meglio che c’è in ognuno di noi, una crescita dell’individuo in generale. Imparare il dialogo interiore positivo, prima[…]